Rugby World Cup 2019: impresa Uruguay! Fiji battute 30-27 dai sudamericani – OnRugby

I love plugins, because they are clever.

Los Teros si impongono a sorpresa sugli isolani, grazie ad un ottimo primo tempo e alla precisione al piede di Berchesi

Ph. REUTERS/Peter Cziborra

L’avvio di partita a Kamaishi è a dir poco elettrizzante. Il tabellino viene inaugurato all’ottavo minuto dalle Fiji che vanno in meta con il tallonatore Dolokoto, sfruttando un loop rapidissimo sugli sviluppi di una rimessa laterale all’altezza dei cinque metri, a cui però risponde subito l’Uruguay con la marcatura pesante del mediano di mischia Arata, il quale mostra tutte le sue qualità nell’eludere la guardia di Radradra. I sudamericani convertono dalla piazzola, gli isolani no; per il provvisorio 5-7.

Il ritmo è alto, le occasioni fioccano. A cavallo del ventesimo altro “scambio di cortesie”. Mawi finisce di forza e in maniera vincente il lavoro fijiano praticamente sotto ai pali, dall’altra parte sul restart i Teros riconquistano immediatamente l’ovale e imbastendo una maul avanzante e un paio di cariche abrasive vanno oltre con Diana. Sia Matavesi sia Berchesi si dimostrano impeccabili dalla piazzola. SI va sul 12-14.

Al ventiseiesimo, poi, un lampo uruguaiano. Straordinaria azione al largo che parte dal passaggio in tuffo di Arata e coinvolge tutti i trequarti. La trasmissione alla mano degli uomini veloci e gli offload che ne scaturiscono sono perfetti. Al secondo centro Cat il compito di eseguire l’ultimo sprint e schiacciare per la terza meta dei sudamericani, che vale il 12-21.

La formazione di Mckee è in confusione. Gli errori di handling e

I like plug-ins, because they are the huge.

Read full article at the Original Source

Copyright for syndicated content belongs to the Linked Source